Prof. Fausto Cuocolo

July 23, 2008

Ho avuto l’onore di ritrarre il Prof Cuocolo, persona che ho ammirato moltissimo e della cui mancanza resto profondamente rattristato. (Lorenzo Castello)

Fausto Cuocolo

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Fausto Cuocolo (Tortona, 24 febbraio 1930 – Genova, 19 settembre 2006) fu un giurista italiano, tra i più autorevoli costituzionalisti del dopoguerra.

Frequenta a Genova il Liceo Mazzini, dove ottiene la maturità classica. In quegli anni partecipa attivamente alla lotta di liberazione dal nazi-fascismo e si iscrive giovanissimo alla Democrazia Cristiana. A 22 anni si laurea in Giurisprudenza presso l’Ateneo genovese con una tesi sul rinvio presidenziale nella formazione delle leggi. Due anni dopo si laurea in Scienze politiche, con una tesi in diritto costituzionale comparato sulle forme di governo italiana e francese. In entrambi i casi ottiene il massimo dei voti, la lode e la dignità di stampa.

Negli anni Cinquanta frequenta i Movimenti europeisti e diviene membro dell’Esecutivo JEF (Jeunes Européens Fédéralistes), lavorando a Parigi e stringendo contatti con De Gasperi e Schuman.

Inizia giovanissimo la ricerca scientifica in ambito giuspubblicistico, collaborando con la “scuola romana” ed in particolare con Vezio Crisafulli e Carlo Esposito: a soli venticinque anni pubblica la prima monografia, sul rinvio delle leggi da parte del Presidente della Repubblica. Successivamente pubblica ulteriori volumi monografici sulla struttura del Governo e sui poteri del Presidente della Repubblica.

Nel 1960 ottiene la libera docenza in Diritto costituzionale con votazione unanime.

Nel 1967 pubblica per i tipi di Giuffrè l’importante volume su “Le leggi cornice nel rapporto tra Stato e Regioni”, che gli vale la cattedra di diritto costituzionale (fu ternato insieme a Giuliano Amato ed Enzo Cheli).

Pubblica centinaia di articoli scientifici in Italia e all’estero, prevalentemente in tema di diritto costituzionale, diritto pubblico e diritto regionale.

La sua opera più importante è senz’altro il manuale di “Istituzioni di diritto pubblico”, edito per l’ultima volta nel 2003 (dodicesima edizione), che ha venduto decine di migliaia di copie ed è stato adottato in quasi tutti gli Atenei italiani. Il volume, più noto come “Il Cuocolo” rappresenta a tutt’oggi uno dei testi di riferimento per gli studiosi di diritto pubblico e di diritto costituzionale.

Insegna Istituzioni di diritto pubblico a Genova, prima presso la Facoltà di Giurisprudenza, poi – a partire dal 1970 – presso la Facoltà di Scienze politiche, di cui è co-fondatore e Preside per otto anni.

Negli anni Novanta insegna Diritto regionale presso l’Università LUISS Guido Carli di Roma. Mantiene la cattedra genovese in qualità di Professore ordinario di Diritto costituzionale e alla fine degli anni Novanta torna ad insegnare presso la Facoltà di Giurisprudenza, lasciando Scienze politiche. Nel 2005 è nominato Professore Emerito dal Ministro dell’Università.

 

Nel 2005 il mondo scientifico italiano gli dedica gli “Studi in onore di Fausto Cuocolo”, editi da Giuffrè in due volumi, che raccolgono saggi dei più autorevoli costituzionalisti italiani, dedicati alla sua figura e alla sua dottrina.

È considerato uno dei padri del regionalismo italiano: sin dagli anni Cinquanta pubblica articoli scientifici e saggi monografici sostenendo la necessità di un’attuazione del disegno costituzionale in tema di Regioni. Partecipa alla redazione dello Statuto della Regione Liguria sia nella prima versione del 1970 che in quella nuova del 2005. Fonda nel 1981 la Rivista “Quaderni regionali”, attualmente edita da Maggioli, e ne rimane Direttore fino alla morte, nel 2006. La Rivista si accredita da subito come uno dei punti di riferimento del dibattito regionalista italiano, ed ospita saggi dei più importanti studiosi sui profili di attualità del diritto costituzionale regionale.

All’attività accademica affianca l’impegno civile e l’impegno politico-istituzionale, ricoprendo importanti cariche nelle amministrazioni liguri (tra le altre, Vice-presidente della Provincia di Genova, Presidente del Consiglio regionale della Liguria). È inoltre consulente giuridico di molti Presidenti del Consiglio italiani e del Conseil d’Europe. È tra i consulenti del Presidente della Repubblica Francesco Cossiga.

Il 31 maggio 1979 è vittima di un sanguinoso attentato organizzato dalle Brigate Rosse: viene gambizzato mentre sta tenendo una sessione di esami all’Università di Genova. È la prima volta che le Brigate Rosse organizzano un attentato all’interno di una struttura universitaria, per di più durante lo svolgimento di una sessione di esami. L’episodio è riportato in numerosi testi sugli “anni di piombo”. Da ultimo, l’attentato al Professor Cuocolo è ricostruito nel volume di Giovanni Fasanella, “I silenzi degli innocenti”, del 2007. Nel 1981 il Professor Cuocolo viene condannato a morte dalle Brigate Rosse, poiché non si è ritirato a vita privata dopo il primo attentato. Il secondo progetto criminoso viene però sventato dalle Forze dell’ordine il giorno prima dell’evento.

A partire dagli anni Novanta ricopre importanti posizioni nel sistema bancario nazionale: dal 1993 è Presidente della Fondazione Cassa di risparmio di Genova e Imperia e, successivamente, diventa Presidente di Banca Carige S.p.A. Ricopre altresì posizioni di prestigio in seno all’ABI (Associazione bancaria italiana) e all’ACRI (Associazione fra le Casse di risparmio italiane).

Negli anni Novanta ricopre altresì l’incarico di componente della Corte federale della Federazione Italiana Giuoco Calcio, il massimo organo di giustizia sportiva del sistema calcistico italiano.

Nel 2000 gli viene conferita la laurea “honoris causa” in Scienze economiche dall’Accademia Plekhanov di Mosca, che è la più prestigiosa istituzione universitaria russa nel settore della business administration. Cuocolo è il secondo italiano dopo Romano Prodi ad essere cooptato fra gli Accademici Plekhanov.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: